Volontari&Viandanti // Emozioni&Appunti dal 10^ Meeting Provinciale del Volontariato trevigiano

On Set 22, 2014

Gli ospiti Don Giuseppe Stoppiglia Moni Ovadia

Gli ospiti
Don Giuseppe Stoppiglia
Moni Ovadia

VOLONTARI E VIANDANTI

per le strade del mondo e del tempo

a fianco della Persona

Essere parte di un’associazione, come può essere Zona Franca, è un impegno, una responsabilità personale e sociale, ma è anche un’opportunità per “AVVICINARSI”.

Sabato 20 settembre ho potuto essere al 10° Meeting Provinciale del Volontariato trevigiano, con questo post desidero farvi “partecipare” anche chi leggerà le righe che seguono e che magari non c’era.

Sono (tutti i miei) appunti che inoltro scegliendo di rispettarne rigorosamente la cronologia e l’integralità di contenuto.

Qui si parla di Vita, Amore, Amicizia, Lavoro, Spiritualità, Gratuità, Senso e altro ancora.

Sono estratti degli interventi di Don Giuseppe Stoppiglia e di Moni Ovadia.

Non ho volutamente indicato espressamente chi ha pronunciato le varie frasi (alcune comunque parleranno da sé…) perché avrei piacere che si potessero “sentire” e basta, senza attribuirne identità.

 

Ho desiderato condividere cose che penso anch’io, cose che mi hanno fatto pensare a persone che conosco, cose che vorrei poter riuscire a fare, cose che possono far riflettere, cose che potranno trovare qualcuno d’accordo e qualcuno no, parole che potranno anche far girare le scatole (ma almeno potrà essere modo per chiedersi “il perché”), ma semplicemente potrei dire che sono PAROLE CHE MI HANNO EMOZIONATA.

 

Buona lettura e Grazie per l’attenzione

 

 

 

“Vattene dalla tua terra,

dalla tua parentela

e dalla casa di tuo padre”

 

Nel deserto il cittadino è viandante e il viandante è cittadino

 

Tu sei quanto ami il tuo prossimo

 

Oggi l’Himalaya è la più grande discarica di spazzatura del mondo

 

“Di tutte le vocazioni la politica è la più nobile, ma di tutte le professioni è la più vile” (Rubem Alves)

 

Chi non crede non vede nessun miracolo perché di giorno non si vedono le stelle

 

Il viaggio inizia come una dimensione spirituale

 

La storia non la fanno i “se”, ma la fanno le cose

 

Non si può dire che la donna è soggetto erotico

 

L’amore è sacralità. Chi l’ha detto che deve avere regole

 

Mi farò prete solo se sto con i poveri, perché la Chiesa è comunione

 

Il sentiero lo faccio camminando

 

Dio è Amore

 

Ho obbedito solo perché ancora ci credevo all’obbedienza

 

Il Vescovo mi ha mandato a Comacchio per convertire i comunisti, poi mi ha detto che sono stati loro a convertire me

 

Il bene si costruisce assieme

 

Vale più il soldo della vedova

 

La profezia del volontariato veneto non è ancora incarnata nei processi collettivi

 

Il bene dell’altro vale la tua vita

Il tu viene prima dell’io

Quello che ha fatto il Signore è tutto bello

(cit. di una mamma che aveva fatto solo la 2^ elementare)

 

Mi dicevano: – Ma tu difendi sempre la donna?

Rispondevo: – Per forza! Per 800.000 anni le hanno sempre trattate male

 

La spiritualità non è la religiosità (quello è un sentimento), ma la dimensione dell’anima

 

Oggi c’è bisogno di ascolto. Fate troppo per i vostri figli, ma li ascoltate poco. Vuol dire inserirli dentro di noi.

 

Senza crescere non posso dare qualcosa agli altri

 

Bellezza, gratuità, amicizia sono valori gratuiti

 

Educare alla gratuità

 

Spiritualità è dare senso del tempo alle nostre Vite

 

Ho visto danzare la speranza nello sguardo dei bambini, del viandante e del vecchio abbandonato

 

Non c’è più grande benedizione di quella di mettersi in cammino verso l’altro

 

La gratuità è tale perché ti consegni all’altro per quello che è

 

L’amore e l’amicizia nascono se sono attesi. Ti aspettavo per incontrarti

 

Avviene perché io ti aspettavo

 

La mamma che nutre il bambino e poi lo dona al mondo e poi lo amerà a prescindere. Un piccolo segno della gratuità, il paradigma che dimostra che la gratuità è iscritta nella nostra esistenza

 

La gratuità non esiste a priori, ma si conquista nell’atto creativo

 

La gratuità dovrebbe essere intesa anche come atto conoscitivo

 

Nei discorsi del lavoro nessuno parla della dignità umana. Si parla di costo del lavoro, investimenti, delocalizzazione.

Potremmo invece cominciare a fare una lettura pubblica della nostra Costituzione Italiana e parlare della Dignità…

 

Siamo nell’Era del PIL, ma sarebbe auspicabile trasformarla nell’Era del FIL (Felicità Interna Lorda)

 

Mi sembra che questo incontro che avete voluto sia pieno di Senso

 

Io non sono un ottimista e nemmeno un pessimista, vivo la mia vita intensamente

 

Il valore è espansivo, è creativo

 

La depressione può essere un richiamo di un valore, di un principio che avevo

 

L’indifferenza è una condizione spirituale che porta all’apatia

 

A partire dalla scuola materna i bambini sono educati alla competitività, all’individualismo, volgendo verso il narcisismo

 

I vuoti vengono riempiti dai mass media, dalla pubblicità, verso il consumismo

 

Educare al sentimento della solidarietà è un fatto fisico-politico

 

Bisogna dare dignità al povero, bisogna farlo alzare in piedi e insieme fare politica perché politica è fare le cose insieme

 

Ciò che a noi viene sempre più sottratto è il senso

 

“Sono venuto per servire non per essere servito” (Gesù), così nasce una società di giustizia

 

Il senso della vita è la dignità delle creature, tutte!

 

La vita dovrebbe avere un senso aspecista

 

Speriamo che tenga!

 

Ogni atto per trasformare è atto di rischio

 

Volontariato non è aiutare il prossimo, ma prendersene cura

 

La santità non è la perfezione, la perfezione è nemica del Bene

 

Il Santo si accorge dei segni e dei tempi per intervenire in una data situazione

 


Infine dono quest’ultima emozione a chi avrà voluto arrivare fino in fondo:

 Moni Ovadia, immaginandosi di fronte al “Giudice”, sente:

– Moni Ovadia perché non sei stato Moni Ovadia? Io ti avevo dato 100% Moni Ovadia!!!

– Be’ mi basterebbe esserlo stato all’80%

 

 

…grazie

Comments are closed.